Top Panel

Servizi Beni Culturali

CAMbiamenti

CAMbiamenti

CAMbiamenti ?Basta tagli alla cultura?

Opere in fiamme e originali coperti, visibili solo in fotocopie, per una rivoluzione culturale

Un grido a voce unanime e come reazione a fronte del totale abbandono in cui versano l?arte e la cultura in Italia. Ormai, sempre pi? numerosi sono i luoghi che volgono alla chiusura per mancanza di fondi. Ancora oggi non sembra chiaro che turismo e cultura sono le uniche risorse vitali del nostro Paese e non si spiega come, una ricchezza d?eccezionale valore morale sia ancora penalizzata in prima istanza. Proprio per questo il CAM (Contemporary Art Museum di Casoria), con il suo direttore-artista Antonio Manfredi, passa alle maniere forti. Gi? lo scorso anno chiese ?Asilo Culturale? alla Germania, notizia che suscit? molto scalpore, quest?anno si sono spinti ben oltre, bruciando ?May Be?, l?opera d?arte, dello stesso Manfredi, composta da dodici panelli raffiguranti i pi? pericolosi latitanti della criminalit? organizzata italiana. L?opera gi? fece discutere quando fu esposta alla Kunsthaus Tacheles di Berlino e continu? a far parlar di s? quando Sgarbi la volle alla 54ma Biennale di Venezia. Pochi giorni fa l?opera ? stata portata fuori dal Museo e ad uno ad uno i pannelli sono stati bruciati. Non un semplice gesto di malcontento e disapprovazione, bens? una forte e chiara azione di protesta come reazione all?impossibilit? di sopravvivenza della cultura nelle attuali condizioni. ?La recessione rende tutto pi? difficile?, spiega Manfredi, per il quale il gesto nasce dalla ?ormai totale incapacit? di assicurare gli standard minimi di conservazione, fruizione, valorizzazione e promozione della nostra collezione?. Infatti, l?azione di protesta continua con l?allestimento della mostra CAMouflage ? fotocopie per una rivoluzione culturale esposta al CAM dal 2 marzo. La mostra prevede la totale copertura di tutte le opere esposte al museo, cos? da oscurare l?intera collezione. Grandi fogli bianchi coprono le opere a parete e stralci di stoffa le istallazioni. Per distinguere le singole opere vi sono solo fotocopie in bianco e nero di immagini che le riproducono. In questo modo, sia pure assicurandone l?apertura al pubblico, si sottrae al visitatore la possibilit? di ammirare le opere al vivo. Un gesto semplice ma deciso. Un chiaro segno di cosa possa significare non avere fondi e chiudere i musei. Non poter pi? vedere le opere se non in pubblicazioni. In effetti, se la mentalit? in Italia, nei confronti della cultura e dell?arte, non migliora al pi? presto, molto probabilmente, in un tempo non lontanissimo, molte opere d?arte, potremo ammirarle solo dalle numerose immagini che le riproducono.

A cura di

My Web Strategy
di Giuseppe Cammarano
Via Fabbrica, Ceraso (SA)
Numero Verde 800 661 513
www.mywebstrategy.it
Servizi Internet - Posizionamento Motori di Ricerca - Web Design - Web Marketing 
P.IVA 05559600654
Privacy Policy - Cookie Policy

Sei qui: Home Oltre l'Estetica CAMbiamenti

Questo sito web utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Continuando a navigare accetti il nostro uso dei cookie. Per maggiori informazioni, vedi Cookies policy.

Accetto i cookies per questo sito.